Seminario

La professione del del geologo oggi

Data: 
Giovedì, 26 Maggio, 2011 - 16:30 - 17:30
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Dott. Paolo Spagna
Abstract: 

giovedì 26 Maggio alle ore 16.30 in aula Arduino del Dipartimento di Geoscienze a Padova, il Dott. Paolo Spagna, Presidente dell'Ordine dei Geologi del Veneto, terrà un seminario dal titolo: "La professione del geologo oggi".

Trattandosi di un seminario prevalentemente rivolto agli studenti, prego di darne massima diffusione.

Afferenza: 
Presidente dell'Ordine dei Geologi del Veneto
Tipo seminario: 
Arduino Lecture

X-RAY DIFFRACTION AND TOMOGRAPHY, NIR AND RAMAN SPECTROSCOPY FOR THE CHARACTERIZATION OF CEMENT MATERIALS

Data: 
Martedì, 24 Maggio, 2011 - 13:45 - 14:45
Aula: 
Aula 2H
Relatore: 
Dr. Marco Milanesio
Abstract: 

a nome della Dott.ssa Dalconi, invito chiunque avesse piacere di parteciapare, al seminario sui cementi:

X-RAY DIFFRACTION AND TOMOGRAPHY, NIR AND RAMAN SPECTROSCOPY FOR THE CHARACTERIZATION OF CEMENT MATERIALS

che sarà tenuto dal Dr. Marco Milanesio dell'Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro, il giorno 24/05/2010  dalle 13:45 alle 14:45 in aula Aula 2H del Dipartimento di Geoscienze dell'Università di Padova.

In allegato la locandina dell'evento.

Afferenza: 
Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro
Tipo seminario: 
Arduino Lecture
Proponente: 
Dalconi Maria Chiara

Lubrificazione di faglie durante terremoti

Data: 
Giovedì, 19 Maggio, 2011 - 16:30
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Prof. Giulio di Toro
Abstract: 

GIOVEDI 19 MAGGIO
alle ORE 16.30 presso l'AULA ARDUINO del DIPARTIMENTO DI GEOSCIENZE (Via Gradenigo 6 a Padova)
il Prof. Giulio di Toro terrà un seminario dal titolo:
"Lubrificazione di faglie durante terremoti"

al quale siete tutti invitati a partecipare. In allegato trovate un breve abstract che ricalca gli argomenti del seminario.

Tipo seminario: 
Arduino Lecture

Remote sensing methodologies for semi-automated glacier mapping. A case study on the Ortles-Cevedale mausing ETM+ and TM Landsat images.

Data: 
Lunedì, 16 Maggio, 2011 - 16:30
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Dott.ssa Claudia Notarnicola
Abstract: 

Lunedì 16 maggio 2011 alle 16:30 siete tutti invitati a partecipare al seminario dal titolo “Remote sensing methodologies for semi-automated glacier mapping. A case study on the Ortles-Cevedale massif (Italy) by using ETM+ and TM Landsat images” che sarà tenuto nell’AULA ARDUINO del
Dipartimento di Geoscienze dell’Università di Padova dalla Dott.ssa Claudia Notarnicola (EURAC, Bolzano), per ricordare il glaciologo Roberto
Filippi tragicamente scomparso lo scorso mese di Marzo.

In allegato trovate la locandina dell’evento, qualche notizia sull’argomento del seminario e sulla relatrice.

Prego vivamente di diffondere il comunicato anche presso colleghi e studenti che non abbiano ricevuto la presente comunicazione e che pensiate
possano essere interessati al seminario.

Afferenza: 
EURAC, Bolzano
Tipo seminario: 
Arduino Lecture

Visualizzazione Sismica 3D ed interpretazione sedimentologica di sistemi ed elementi deposizionali torbiditici in contesti di scarpata e bacino di margine passivo

Data: 
Venerdì, 6 Maggio, 2011 - 10:30
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Dott. Franco Fonnesu
Abstract: 

Lo scopo dell'intervento sarà quello di fornire ai partecipanti, attraverso esempi di sottosuolo derivati da volumi sismici 3D, un quadro sufficientemente dettagliato sulle caratteristiche geometriche e deposizionali dei principali sistemi torbiditici attualmente investigati dall'esplorazione petrolifera in acque profonde.
Per mezzo di selezionati case histories, derivati essenzialmente dal West Africa  deepwater, verranno analizzati complessi torbiditici canalizzati, singoli e compositi, sistemi canale-margine, lobi deposizionali ed accumuli conturitici.

Il seminario, che sarà tenuto nell'ambito del Curriculum Georisorse della Laurea Magistrale.

Afferenza: 
Ricercatore ENI
Proponente: 
Prof. Massimiliano Zattin

GEOLOGICAL SETTING OF TURBIDITE SYSTEMS: A GLOBAL COMPARISON

Data: 
Martedì, 12 Aprile, 2011 - 15:00
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Dr. Berend van Hoorn
Abstract: 

Il seminario, che fa parte di un ciclo di conferenze sponsorizzate dall'American Association of Petroleum Geologists (AAPG), che il dott. Van Hoorn terrà in vari Atenei Italiani, è inserito nel contesto delle attività previste nel Curriculum della Laurea Magistrale “Geologia e Risorse del Sottosuolo”, del Consorzio Interuniversitario di Padova, Ferrara e Trieste, in collaborazione con ENI.

Preciso che trattandosi di una "AAPG sponsored lecture", purtroppo non è stato possibile evitare la sovrapposizione con lezioni ed altri impegni già fissati, visti gli impegni del relatore in tutta Italia con questa conferenza. Scusandomi pertanto con chi non potrà essere presente, prego comunque di dare la massima diffusione del seminario, soprattutto tra gli studenti che devono ancora cumulare i crediti seminariali.

Afferenza: 
American Association of Petroleum Geologists (AAPG)
Tipo seminario: 
Arduino Lecture
Proponente: 
Deiana Rita

Fiumi effimeri: Geomorfologia, sedimentologia e processi di trasporto solido

Data: 
Giovedì, 31 Marzo, 2011 - 15:00
Aula: 
Aula Catullo
Relatore: 
Prof. Paolo Billi
Abstract: 

L’invito è come sempre rivolto a chiunque avesse il piacere di partecipare ed in particolare agli studenti che debbano cumulare i crediti seminariali.

Drylands cover about one third of the land area of the Earth and roughly one fifth of the world’s people live in these drylands (UNEP, 1992).
Their landforms are sculptured by ephemeral rivers that are generated by erratic, infrequent rainfalls of short duration but with high intensity or are concentrated in a short rainy season. River flow is therefore intermittent and flashy and the streambed is dry for the largest part of the year. In the last decades these rivers have attracted the attention of geomorphologists and sedimentologists for the flash flood hazards connected with their impulsive nature and for providing a modern equivalent of depositional characteristics and diagnostic tools to interpret old arid river deposits as potential reservoirs in oil and gas fields exploration.

Dryland rivers characteristics are different from those of temperate and humid environments counterparts. The main sedimentological criteria to identify ephemeral stream deposits are the predominance of horizontal strata and the lack of well defined channels, high channel width to depth ratio and downstream channel narrowing, but there are other sediment features, such as the subtle stratification, the predominance of horizontal lamination, the lack of scour and fill sequence, the occurrence of crescent scours that are typical of sand-bed ephemeral streams, at least in terms of associations of facies and their abundance with respect to other sedimentary structures. By contrast, very poor information is available on coarse-grained, cobble to boulder bed ephemeral streams.

In dry areas, hydraulic data sets are scanty for the objective difficulties of the field measurements and even basic equations to predict flow characteristics, bedforms geometry or particle entrainment thresholds have been seldom tested on dryland rivers. The streambed of many ephemeral streams has been described by several authors as very wide, flat and commonly devoid of any fine-grained bedform but plane bed. Traction carpet or hyperconcentrated flows are considered peculiar to ephemeral streams and their implication for the arrangement and internal organisation of the divisions within the horizontal beds making up the study rivers deposits is investigated, though transition or upper flow regime can play some role as predicted by flume experiments.

The streambed morphology of coarse-grained ephemeral streams is similar to that of braided rivers in more humid environments as it consists of longitudinal and lateral bars and anabranching of shallow channels. The bars have a more or less elongated, rhomboidal shape, but they commonly have sharp margins and do not show any feature associated with depositional processes such as accretionary fronts, foresets and a fine tail. Bars and channel deposits are hardly discernable and have common features such as subtle bedding, lack of erosive surfaces, are very coarse grained, well imbricated, massive with poorly defined inner divisions. Riffles are shorter, thicker and steeper than those of perennial gravel-bed rivers. The general morphology and sedimentology of both the bars and the channels is interpreted as resulting from the emplacement of 1.0-1.5 m thick cobble to boulder, bedload sheets during high flows and subsequent dissection by the receding flood flows.

Afferenza: 
Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Ferrara

The end-Permian mass extinction: death by fire and suffocation

Data: 
Mercoledì, 30 Marzo, 2011 - 15:30
Aula: 
Aula 2M
Relatore: 
Prof. Paul Wignall
Abstract: 

The catastrophe at the end of the Permian was the worst crisis ever faced by life. Plant and animal communities on land and in the sea were equally affected.

This talk will evaluate some of the associated oceanic changes, particularly the spread of whole-ocean anoxia and show how this is related to the marine losses. This reveals a diachronous crisis with the timing of both the extinctions and the recovery showing latitudinal variations. Some of the latest ideas for how life on land died will also be reviewed, including the role of thermogenic gases and the Siberian Trap eruptions.

Afferenza: 
University of Leeds, UK
Tipo seminario: 
Arduino Lecture

Microbial carbonates: processes and products of organomineralization in marine and non marine settings

Data: 
Giovedì, 24 Marzo, 2011 - 15:00
Aula: 
Aula Catullo
Relatore: 
Giovanna Della Porta
Abstract: 

L’invito è come sempre rivolto a chi avesse il piacere di partecipare e a tutti gli studenti che debbano ancora cumulare i crediti seminariali.

Microbial carbonates are defined as organosedimentary deposits accumulating as a result of benthic microbial communities trapping and binding sediments and/or forming the locus of mineral precipitation.
Such carbonate precipitation is promoted either by active bacterial metabolism, i.e. photosynthesis and sulphate reduction (biologically induced organomineralization) or by the presence of degrading biofilms that act as organic substrate for carbonate mineralization (biologically influenced organomineralization). Carbonate precipitation is not only controlled by the microbial community but also by the physico-chemical properties of the precipitating fluid (e.g. pH, temperature, carbonate alkalinity and saturation state with respect to carbonate minerals).

Microbial carbonates played a fundamental role in the Precambrian and Phanerozoic geologic record forming hundred of meters thick successions and kilometers wide carbonate platforms. Carbonate platform margins built by microbial boundstone dominated during times following extinction events such as late Devonian to Permian, Triassic and Jurassic. However, limited information is available about microbial carbonate fabrics, environmental and chemical parameters promoting microbially mediated precipitation and microbial processes inducing precipitation of calcite, aragonite or dolomite minerals. This limited knowledge results from the scarcity of present-day microbialites in marine environments suggesting that the oceans that sustained massive
microbial carbonate production must have had different chemical composition than present-day oceans. The scarcity of Recent marine microbialites is counter balanced by numerous occurrences of microbially mediated carbonates in non marine settings such as lakes, rivers and hydrothermal hot springs.

Afferenza: 
Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università degli Studi di Milano
Tipo seminario: 
Arduino Lecture
Proponente: 
Daiana Rita

Il Terremoto de L’Aquila del 6 aprile 2009: il contesto, le osservazioni ed i problemi aperti

Data: 
Giovedì, 10 Marzo, 2011 - 15:00
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Daniela Pantosti
Abstract: 

Prego vivamente di informare anche gli studenti interessati ai seminari per i crediti formativi.

Il Terremoto de L’Aquila del 6 aprile 2009:  il contesto, le osservazioni ed i problemi aperti

Il terremoto (Mw 6.3) che il 6 aprile 2009 ha colpito L’Aquila ed i suoi dintorni provocando 300 vittime, migliaia di senza tetto ed inestimabili danni al patrimonio storico, artistico e produttivo della regione, è stato il terremoto più grande che ha colpito il nostro paese dal devastante terremoto dell’Irpinia del 1980 (Mw 6.3). Da allora le nostre capacità di studiare il fenomeno terremoto nell’immediato e nella sua evoluzione spazio temporale sono enormemente migliorate ed è anche migliorata la multidisciplinarità dell’approccio.

Grazie al sistema di monitoraggio sismico e geodetico nazionale, all’integrazione con osservazioni geologiche e degli effetti sul costruito e sull’ambiente naturale, nel giro di pochi giorni le caratteristiche principali del terremoto erano ben chiare ed una prima rappresentazione della faglia responsabile dell’evento era disponibile. La distribuzione delle repliche, il meccanismo focale, gli spostamenti registrati dalle stazioni GPS, la distribuzione della
deformazione evidenziata dalla interferometria SAR e la fagliazione superficiale hanno definito in modo coerente la sorgente sismogenetica come una faglia normale, lunga circa 15 km, con direzione NW-SE ed immersione a SW la cui emersione in superficie coincideva con la faglia di Paganica.

Nei mesi successivi la geometria, i processi di rottura e le caratteristiche della propagazione sono state ulteriormente investigate e comprese, sono state avviate ricerche per una migliore comprensione dei rapporti tra faglie attive in superficie e sorgente sismogenetica profonda, delle modalità di ricorrenza dei terremoti in questa regione, dell’eventuale segmentazione e persistenza dei limiti segmento e quindi della max magnitudo attesa.

Rimangono comunque ancora questioni aperte e dibattute nella comunità scientifica. Il seminario sarà suddiviso in tre parti principali:

  1. le nostre conoscenze prima del terremoto
  2. il terremoto
  3. le questioni aperte.
Afferenza: 
Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) - Sezione Sismologia e Tettonofisica di Roma
Tipo seminario: 
Arduino Lecture
Proponente: 
Deiana Rita
Condividi contenuti
Customize This