Seminario

The origin of isotope variability in granites: intracrustal recycling and/or juvenile crust production?

Data: 
Giovedì, 12 Novembre, 2015 - 16:30
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Federico Farina
Abstract: 

Radiogenic isotope data determined at the crystal and sub-crystal scale has led to the recognition that isotope variability is commonplace in igneous rocks of intermediate to acidic composition. This evidence has often been considered as the smoking gun supporting the involvement of mantle-derived magmas in the genesis of many granites; with the implication that crustal growth is reflected in the genesis of felsic rocks exhibiting inter- and intra-crystalline isotopic diversity. Such interpretations overlook two important realities. Firstly, that granites and rhyolites, tap source rock volumes that are very unlikely to have been isotopically homogeneous. Therefore, some aspects of the isotopic variability recorded in granites may represent mixing between magmas produced by partial melting of isotopically diverse domains of the source. Secondly, typical source rocks also exhibit isotopic diversity at the mineral-scale that either may homogenize during the pre-anatectic metamorphic event, melting and magma extraction, or be transferred to the granite. The isotopic variability of the source may be a primary feature, such as in the case of "Hf diversity among detrital zircons in metasediments, or be acquired by the source through time, as the result of isotopic ingrowth. When isotopic equilibrium between melt and crustal residue is not attained, the composition of the melt will be dependent on the isotopic compositions of the reactant phases, the stoichiometry of the melting reaction as well as on the amount of accessory phases that dissolve into the melt. In such situations, an individual source is able generating melts with different isotopic composition. Here, I report two case studies. In the first one, the "Hf range recorded by magmatic and inherited zircon in the S-type Peninsula pluton (South Africa) is investigated as a function of sample size. At all scales, the "Hf variability in the magmatic zircon fraction (ca. 8 "Hf units) matches well that portrayed by the time evolved inherited zircon population, suggesting that the "Hf heterogeneity of magmatic zircon is inherited from the source. The model proposed involves dissolution at the emplacement level of detrital zircons within small magma volumes and crystallization of new zircon from these magma domains, prior to complete hafnium isotopic homogenization. In the second case, the extreme mineral-scale initial Sr isotope variability characterizing the Elba Island granitic complex (Italy) is explained by mixing between magma batches produced by disequilibrium melting of individual crustal sources. These batches represent discrete melting events taking place as the isotherms advance through the source: the earlier magmas represent lower-temperature melts while magmas developed later formed at higher-temperature.

The prime implication of these studies is that isotope variations in granitoids do not necessarily call for the involvement of a mantle-derived component. Substantial isotopic variation is to be expected in felsic magmas produced solely by reworking of crustal material, with no net crustal growth. Isotopic variability, generated during crustal anatexis, can survive magma segregation and ascent indicating the lack of pluton-wide homogenization occurring at the emplacement level.

Afferenza: 
Universidade Federal de Ouro Preto (Brazil)
Proponente: 
Omar Bartoli

La componente geologica nei sistemi di scambio ed accumulo termico nel sottosuolo per la climatizzazione di edifici

Data: 
Giovedì, 15 Ottobre, 2015 - 16:30
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Eloisa Di Sipio
Abstract: 

Proponente: 
Antonio Galgaro

La geotermia nel mondo, 100 anni dopo la prima centrale geotermoelettrica di Larderello: situazione e prospettive

Data: 
Martedì, 26 Maggio, 2015 - 16:30
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Ruggero Bertani
Afferenza: 
Geothermal Center of Excellence Enel Green Power SpA
Tipo seminario: 
Arduino Lecture
Proponente: 
Antonio Galgaro

Il Bacino Friulano-Veneto: anatomia di un bacino di avampaese condiviso

Data: 
Lunedì, 4 Maggio, 2015 - 14:30
Aula: 
Aula 2M
Relatore: 
Prof. Andrea Di Giulio
Abstract: 

Il prof. Di Giulio presenterà dati e interpretazioni edite ed inedite sulla evoluzione del Bacino Friulano-Veneto, basate su dati di pozzo e sezioni sismiche. Il seminario è parte del corso di Basin Analysis, ma tutti gli interessati sono invitati a partecipare.

Afferenza: 
Università di Pavia http://scienze.unipv.it/?pagina=docenti&id=616
Tipo seminario: 
Avvio al lavoro
Proponente: 
Nereo Preto

Fast qualitative and quantitavite analysis of bones and bio-mineralisations by FTIR-ATR and µFTIR-ATR

Data: 
Martedì, 31 Marzo, 2015 - 14:30 - 15:30
Relatore: 
Matthieu Lebon
Abstract: 

Il seminario si terra'in aula 2L

Afferenza: 
Département de Préhistoire du Muséum national d'Histoire Naturelle, Paris, France
Proponente: 
Gregorio Dal Sasso

The Mediterranean Messinian Salinity Crises: an overview and recent results from pre- and post-evaporitic successions

Data: 
Martedì, 5 Maggio, 2015 - 16:30 - 17:30
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Agata Di Stefano
Abstract: 

About 6 My ago the Mediterranean underwent the isolation from the Atlantic Ocean, giving rise to the so-called “Messinian Salinity Crises” which generated huge volumes of evaporitic rocks, spread in all the Mediterranean region, both in on-land and in off-shore sectors. Sicily records incredibly well-preserved testimonies of that extraordinary event, hosting several still active and productive salty mines which refer to the Messinian evaporitic episode. An overview of the Mediterranean Messinian Salinity Crises is given, with particular emphasis to Sicilian examples. Furthermore, recent findings from Mediterranean successions, depicting the oceanographic setting in the time preceding and following the evaporitic event, are also provided.

Afferenza: 
Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali - Università degli Studi di Catania
Proponente: 
Manuel Rigo

Idrocarburi: tecniche di perforazione e produzione

Data: 
Martedì, 17 Marzo, 2015 - 16:30 - 17:30
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Stefano C. A. Rossi
Afferenza: 
Apennine Energy SpA Responsabile HSEQ & Permitting
Tipo seminario: 
Avvio al lavoro
Proponente: 
Paolo Fabbri

Deformazione attiva e reologia crostale nelle Alpi centro-orientali

Data: 
Martedì, 19 Maggio, 2015 - 16:30 - 17:30
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Alfio Viganò
Abstract: 

La revisione del catalogo sismico strumentale relativo al periodo 1994–2007 (Alpi centro-orientali, Italia settentrionale) ha permesso di ottenere: (i) immagini di tomografia sismica a scala crostale; (ii) un modello tri-dimensionale di velocità sismiche P ed S; (iii) accurata ri-localizzazione di eventi sismici tramite tecniche di tipo probabilistico; (iv) un modello sismotettonico di deformazione attuale per le Alpi centro-orientali.

La nuova procedura di localizzazione dei terremoti qui presentata, validata grazie all’analisi di un gruppo di scoppi di cava in Trentino, permette di calcolare soluzioni ipocentrali significativamente più precise ed accurate se confrontate sia con quanto presente negli attuali cataloghi sismici sia con quanto ottenuto attraverso la procedura di localizzazione comunemente utilizzata. La distribuzione di sismicità così ottenuta evidenzia significativi raggruppamenti e/o allineamenti di eventi, ben interpretabili per confronto con le strutture tettoniche conosciute. In particolare, alcuni eventi sismici rilevanti per la regione studiata (magnitudo locale ≥4.0) si sono enucleati in corrispondenza di limiti litologici e reologici importanti. Il modello sismotettonico proposto interpreta la sismicità (ipocentri, meccanismi focali, campi di sforzo/deformazione), la reologia (profili termo-reologici mono-dimensionali nell’intervallo di profondità 0–15 km) ed altri indicatori geologici di deformazione attiva, evidenziando domini crostali a differente regime tettonico dominante, sia nel Sudalpino che nella catena alpina interna.

 

Afferenza: 
Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, Sezione CRS, Udine
Proponente: 
Alessandro Caporali

Continental crust at Mantle depths

Data: 
Martedì, 12 Maggio, 2015 - 16:30 - 17:30
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Jane A. Gilotti
Afferenza: 
Department of Earth and Environmental Sciences, University of Iowa, USA
Tipo seminario: 
Arduino Lecture
Proponente: 
Bernardo Cesare

Le compagnie di sevizio nell'industria petrolifera

Data: 
Martedì, 10 Marzo, 2015 - 16:30 - 17:30
Aula: 
Aula Arduino
Relatore: 
Paolo Sudiro
Abstract: 

L'industria petrolifera consiste di una complessa rete di aziende che forniscono vari tipi di servizi alle ben più note compagnie petrolifere, ad esempio catering, trasporto e logistica, sicurezza, impianti di perforazione. Alcune di queste aziende offrono anche servizi di tipo più strettamente geologico, o che richiedono competenze geologiche al personale che li fornisce, e che sono coinvolte in tutto il ciclo di attività che parte dall'esplorazione attraverso la perforazione fino alla coltivazione dei giacimenti. Attraverso un serie di esempi tratti dall'esperienza professionale acquisita operando in vari dipartimenti all'interno della Baker Hughes, in questo seminario verrà illustrata una parte dei servizi di interesse geologico forniti dalle compagnie di servizio e quali opportunità di lavoro si offrono ai neolaureati in questo settore dell'industria petrolifera.

Afferenza: 
Baker Hughes
Tipo seminario: 
Avvio al lavoro
Proponente: 
Mariagabriella Fornasiero
Condividi contenuti
Customize This